LA GESTIONE DEI LAVORI PUBBLICI

EBIT Corsi di formazione P.A.: Il corso esamina le modalità di affidamento dei lavori pubblici partendo dalla fase della programmazione e fino alla gestione della disciplina di gara anche alla luce della Legge 14 giugno 2019, n. 55 senza tralasciare la fase di stipula ed esecuzione del contratto e puntando l’attenzione sulle modifiche contrattuali e sulle varianti.

DOCENTE:

ISCRIZIONE ON LINE

Scegli le date e la sede per procedere all'iscrizione

11 gennaio 2021 - BOLOGNA
15 febbraio 2021 - ROMA
1 marzo 2021 - FIRENZE

Codice MEPA: EBIT210

DATE E SEDI:
11 gennaio 2021 - BOLOGNA, Mercure Hotel Bologna Centro (Viale Pietramellara, 59)
15 febbraio 2021 - ROMA, Hotel Royal Santina (Via Marsala, 22)
1 marzo 2021 - FIRENZE, Hotel Embassy (via Jacopo da Diacceto, 8)

ORARI: 9,30-13,00 e 14,00-17,00

DOCENTE: dott. ALESSANDRO QUARTA, Esperto in materia di appalti e contratti – Componente di commissioni di gara – Ufficiale Rogante – Formatore EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

DESTINATARI: Il Corso di formazione, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari i RUP (amministrativi e tecnici), i dipendenti con funzioni direttive, gli addetti alle strutture di supporto, i Dirigenti, funzionari, addetti agli uffici Appalti, Contratti, Economato, i responsabili e i referenti dell’Anticorruzione nonché gli Avvocati degli Uffici legali e gli addetti agli Uffici legali.

OBIETTIVI: Il corso esamina le modalità di affidamento dei lavori pubblici partendo dalla fase della programmazione e fino alla gestione della disciplina di gara anche alla luce della Legge 14 giugno 2019, n. 55 senza tralasciare la fase di stipula ed esecuzione del contratto e puntando l’attenzione sulle modifiche contrattuali e sulle varianti. Ampio spazio sarà dedicato all’esame di casi operativi e alla risposta ai quesiti.

PROGRAMMA:
A) PROGRAMMAZIONE, PROGETTAZIONE, QUALIFICAZIONE E DISCIPLINA DI GARA
La disciplina generale sulla programmazione e progettazione nel nuovo Codice.
I contenuti della progettazione nei nuovi tre livelli progettuali e nei relativi strumenti di attuazione.
Dagli studi di fattibilità al documento di fattibilità delle alternative progettuali.
Dal documento preliminare alla progettazione al documento di indirizzo alla progettazione: contenuti e valenza contrattuale.
I nuovi obblighi di ricorso alla progettualità interna e l’alternativa del concorso di progettazione e del concorso di idee.
I contenuti tecnici delle fasi di progettazione: progetto di fattibilità tecnica ed economica, progetto definitivo e progetto esecutivo; la progettazione semplificata delle manutenzioni.
L’affidamento dell’incarico di progettazione all’interno della P.A.: modalità di attribuzione, requisiti, ruoli e responsabilità.
I destinatari degli incarichi di progettazione: il possesso di idonea competenza nelle materie oggetto del progetto dei professionisti interni e i presupposti per l’affidamento a terzi.
Le tipologie di servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria affidabili all’esterno senza il ricorso ai concorsi di idee o ai concorsi di progettazione.
Le modalità di affidamento a terzi: le gare sopra soglia europea e sopra soglia nazionale; le gare sotto soglia nazionale nel rispetto dei principi del nuovo Codice e del principio di rotazione; i bandi di gara e i disciplinari di affidamento.
Le gare di progettazione nelle Linee guida ANAC n. 1/2016 e dopo il Decreto correttivo.
La progettazione per l’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria (la relazione tecnico-illustrativa del contesto in cui è inserito il servizio; le indicazioni e disposizioni per la stesura dei documenti inerenti alla sicurezza di cui all'art. 26, co. 3, del D.Lgs. n. 81/2008; il calcolo degli importi per l'acquisizione dei servizi, con indicazione degli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso; il prospetto economico degli oneri complessivi necessari per l'acquisizione dei servizi; il capitolato speciale descrittivo e prestazionale).
L’affidamento degli incarichi di collaudo: nomina di dipendenti dell’Amministrazione aggiudicatrice o di dipendenti di altre Amministrazioni Pubbliche: la qualificazione rapportata alla tipologia e caratteristica del contratto; l’individuazione del collaudatore delle strutture.
L’affidamento degli incarichi di collaudo a liberi professionisti: l’accertamento della carenza nell'organico della stazione appaltante ovvero di altre Amministrazioni Pubbliche.
Il Decreto Ministeriale che disciplina e definisce le modalità tecniche di svolgimento del collaudo, nonché i casi in cui il certificato di collaudo dei lavori e il certificato di verifica di conformità possono essere sostituiti dal certificato di regolare esecuzione.
La responsabilità del progettista: responsabilità tecnica, civile, penale e professionale; responsabilità disciplinare per i dipendenti della P.A.; errore e omissione progettuale; responsabilità contabile.
Le coperture assicurative della responsabilità del progettista: i liberi professionisti e i progettisti
Il bando di gara: natura giuridica e funzioni.
Il bando-tipo dell’ANAC e le deroghe da motivare nella determinazione a contrattare.
La redazione del bando: la tipizzazione delle clausole “a pena di esclusione”; le questioni aperte e le criticità applicative.
I requisiti di partecipazione alla gara: requisiti generali e requisiti speciali.
I motivi di esclusione nell’art. 80 del Codice; in particolare la valutazione dei gravi illeciti professionali alla luce delle Linee guida ANAC n.6/2016.
I requisiti speciali e la disciplina del nuovo Codice.
Il Documento di Gara Unico Europeo (DGUE).
I concorrenti plurisoggettivi (ATI, consorzi ordinari, consorzi stabili, GEIE, ecc.).
L’avvalimento dei requisiti speciali nel nuovo Codice.
Il soccorso istruttorio dopo il Decreto correttivo.
La qualificazione nei lavori pubblici e i profili di procedura, dal bando alle negoziate
Le procedure di affidamento di lavori pubblici di valore inferiore alla soglia comunitaria.
L’individuazione delle imprese da invitare.
La gestione della rotazione.
Il progetto posto a base di gara: progetto esecutivo e deroghe.
La suddivisione in lotti e relativa motivazione.
L’individuazione della categoria prevalente, delle categorie scorporabili e delle categorie relative a «strutture, impianti e opere speciali»
Le categorie a qualificazione obbligatoria e quelle non a qualificazione obbligatoria.
L’attestazione SOA come condizione necessaria e sufficiente per la qualificazione nei lavori di importo superiore a € 150.000,00.
L’utilizzabilità dell’incremento del 20% della qualificazione SOA.
La suddivisione della qualificazione tra le imprese di un raggruppamento temporaneo.
La qualificazione mediante il ricorso al subappalto (cosiddetto subappalto necessario).
Le lavorazioni subappaltabili e relative quote.
L’obbligo di indicazione della terna dei subappaltatori.
Le lavorazioni maggiormente esposte a rischio di infiltrazione mafiosa.
I subcontratti diversi dal subappalto.
Le procedure in caso di somma urgenza e di protezione civile
B) LA GESTIONE DELLA GARA FINO ALLA STIPULA DEL CONTRATTO
Il Responsabile Unico del Procedimento dopo l’aggiornamento delle Linee guida ANAC n. 3: natura, funzioni, compiti e responsabilità nel quadro normativo vigente. I rapporti con le altre figure del procedimento. Il supporto al RUP interno ed esterno.
Il conflitto di interesse: modalità applicative nelle diverse fasi della procedura di affidamento.
Il RUP nella verifica della documentazione amministrativa.
La fase di ammissione alla gara: il provvedimento di esclusione e di ammissione in relazione ai requisiti soggettivi; adempimenti ex art. 29 del Codice e rito super-accelerato ex art. 120, co. 2bis, del Codice del processo amministrativo.
La Commissione giudicatrice e il seggio di gara
Il RUP nella Commissione giudicatrice.
L’esclusione e l’ammissione alla gara: la necessità di differenziare l’esclusione/ammissione per carenza o possesso dei requisiti generali e speciali e l’esclusione/ammissione per altre ragioni.
Il RUP e la verifica delle offerte anomale: il sub-procedimento di verifica.
La proposta di aggiudicazione: natura ed effetti.
La verifica dei requisiti.
L’aggiudicazione e l’aggiudicazione efficace.
Le comunicazioni obbligatorie: destinatari, contenuto e forma.
L’accesso agli atti di gara e la giurisprudenza, tra tutela della riservatezza e tutela giudiziale.
La pubblicazione degli atti della procedura ai sensi dell’art. 29 del Codice.
La post-informazione: la pubblicazione dell’avviso di avvenuta aggiudicazione
Lo stand-still period e le nuove deroghe ammesse.
L’esecuzione d’urgenza.
La stipulazione del contratto.
Profili essenziali della fase di esecuzione
Il ruolo dell'ANAC (nella duplice veste di Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici e di Autorità anticorruzione).
La natura delle diverse tipologie di Linee guida; le conseguenze in caso di violazione e il potere di impugnazione degli atti illegittimi da parte dell'ANAC.
C) I CRITERI DI AGGIUDICAZIONE E L’ANOMALIA
I criteri di aggiudicazione dopo la Legge 14 giugno 2019, n, 55.
Il prezzo più basso.
Il rapporto qualità-prezzo: i criteri di valutazione, la ponderazione e la trasparenza dell’iter motivazionale;
Le Linee guida ANAC n. 2: criticità.
Scelta dei criteri e attribuzione dei punteggi; eventuale facoltà di individuare sub criteri e attribuire sottopunteggi.
L’attribuzione dei punteggi: criteri vincolati e criteri discrezionali. Criteri particolari (ad esempio di natura soggettiva, certificazioni, ecc.): ammissibilità e limiti.
Le formule dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
I criteri di calcolo del punteggio: in particolare, il confronto a coppie.
I costi del ciclo di vita.
La verifica del costo della manodopera dopo il Decreto correttivo e la verifica di congruità.
L’anomalia, fra esclusione automatica e procedimento di verifica in contraddittorio con l’operatore economico; l’obbligo di indicare i costi aziendali della sicurezza;
Il calcolo della soglia di anomalia e la procedura.
Casi giurisprudenziali di offerte anomale: in particolare, sull’ammissibilità di giustificazioni in ordine al costo della manodopera, all’utile e alle spese generali.
L’anomalia dell’offerta negli appalti sottosoglia.
Il principio della consolidazione della graduatoria.
D) LE MODIFICHE AI CONTRATTI
Le modifiche ai contratti in corso di esecuzione. Le modifiche sostanziali e non sostanziali.
Il rapporto tra modifiche dei contratti e procedure negoziate senza bando.
I lavori “supplementari”.
Le varianti in corso d’opera.
Le modifiche entro il 15% (lavori) dell’importo iniziale del contratto.
Le varianti e modifiche “programmate”.
Gli adempimenti informativi e pubblicitari in caso di modifiche ai contratti.
Il quinto d’obbligo.
Il rinnovo dei contratti.
La proroga tecnica (come opzione e non).
La ripetizione dei servizi analoghi.
E) L’ESECUZIONE DEL CONTRATTO
Il RUP quale soggetto che dirige l’esecuzione di tutti i contratti di lavori.
Funzioni e compiti del Direttore dei lavori al termine dei lavori.
Il Direttore dei lavori e il D.M. MITT n. 49/2018 che stabilisce le modalità di svolgimento delle funzioni di direzione e controllo tecnico, contabile e amministrativo dell’esecuzione del contratto.
Nomina del Direttore dei lavori e costituzione dell’ufficio di direzione lavori: incompatibilità; rapporti con le altre figure.
Gli strumenti per l’esercizio dell’attività di direzione e controllo.
Gli adempimenti preliminari all’esecuzione.
La consegna dei lavori e le conseguenze della mancata/ritardata consegna.
Il controllo amministrativo-contabile dopo il nuovo Codice: i documenti contabili (i nuovi contenuti del giornale dei lavori, i libretti di misura delle lavorazioni e delle provviste, il registro di contabilità, lo stato di avanzamento lavori, il conto finale dei lavori, la contabilità semplificata per lavori d’importo sotto i 40.000 €).
La nuova anticipazione del corrispettivo d’appalto.
I pagamenti in acconto e le conseguenze in caso di ritardi.
La sospensione dei lavori.
Le conseguenze risarcitorie della sospensione illegittima.
Le riserve dell’appaltatore e l’accordo bonario.
Il recesso e la risoluzione dei contratti per grave inadempimento, grave irregolarità e grave ritardo.

ISCRIZIONE ON LINE

Scegli le date e la sede per procedere all'iscrizione

11 gennaio 2021 - BOLOGNA
15 febbraio 2021 - ROMA
1 marzo 2021 - FIRENZE

Corso residenziale

Esperto in materia di appalti e contratti – Componente di commissioni di gara – Ufficiale Rogante – Formatore EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

EBIT srl | Viale della Libertà, 197/A – 73100 Lecce – C.F. e P.I. 03814900753 | Tel. 0832/396823 Fax 0832/1830409
e-mail:info @ infoebit.com - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Copyright © EBIT - Riproduzione riservata 2004-2020

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie