APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI

CORSO PRATICO-APPLICATIVO SUL MEPA
ACQUISIRE COMPETENZE GIURIDICHE, TECNICHE ED OPERATIVE PER OPERARE LEGITTIMAMENTE

Il corso illustra la disciplina introdotta dal nuovo Codice D.Lgs 50/2016 e s.m.i. che, con l’abrogazione del D.P.R. 207/2010, ha modificato le procedure eseguibili sul MePA.
L’obbligo di utilizzare il MePA per appalti di valore superiore a 1.000 Euro non prevede eccezioni neanche se il mercato tradizionale risultasse più conveniente. La posizione è confermata da più pareri della Corte dei Conti che, nel tentare di contemplare eccezioni per motivi economici, di fatto chiariscono che l’obbligo non ammette tale tipo di eccezioni. Nonostante le aspettative, Consip sul MePA non controlla né i requisiti delle Imprese, né la congruità dei prezzi, né la legittimità delle offerte nel catalogo né la correttezza delle procedure di acquisto. La norma infatti dispone che l’Ente è l’unico soggetto responsabile di eseguire correttamente le procedure di acquisto e di eseguire ogni verifica nei confronti del Fornitore e dei beni e servizi offerti. Dopo che l’enfasi sull’obbligo di utilizzo ha distolto l’attenzione anche dei Tribunali Amministrativi dalle regole del Mercato Elettronico, alla fine del 2015 è stata emessa la prima sentenza che riconosce l’illegittimità sul MePA degli appalti il cui oggetto non è ricompreso nei Capitolati Tecnici allegati al bando, come la norma stabiliva dal lontano 2002 e come i bandi del MePA scrivevano da sempre.

NOVITÀ E SOLUZIONI OPERATIVE PER LE STAZIONI APPALTANTI DOPO IL D.LGS. 56/2017

Le modifiche al D.Lgs. n. 50/2016, molte delle quali costituiscono innovazioni sostanziali e “di sistema”, sono finalizzate al rilancio del settore degli appalti, alla maggiore tutela del lavoro, alla “semplificazione” delle procedure e al rafforzamento dei principi di concorrenza e trasparenza. Il corso in chiave pratica, esamina le procedure di gara relative agli appalti di forniture e servizi, focalizzando l’attenzione sul trasferimento delle nozioni di base sull’acquisto di beni e servizi da parte di Amministrazioni e Aziende pubbliche. Il corso esamina, con impostazione pratico/operativa, le principali modalità alternative alla classica procedura ordinaria di gara su bando ad evidenza pubblica per l’affidamento di appalti pubblici e concessioni, alla luce del nuovo Codice dei contratti (D.Lgs. n. 50 del 2016) e delle Linee guida ANAC n. 4/2016 sulle procedure sotto-soglia. Si approfondiranno le figure e gli istituti che consentono una significativa semplificazione procedimentale per l’affidamento dei contratti pubblici, nel rispetto dei principi interni e comunitari. In particolare: – procedure sotto-soglia; – affidamenti diretti; – procedure negoziate (in particolare, senza previa pubblicazione di bando); – rinnovo, proroga e ripetizione dei contratti; Infine, la parte pratica sarà dedicata alla simulazione concreta di una procedura di gara RDO (con il criterio del prezzo più basso e, alternativamente, con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa): dalla verifica della documentazione ai casi di esclusione alla redazione dei verbali.

Loading

DOCENTI

EBIT INFORMA