ISCRIZIONE ONLINE

SELEZIONARE SEDE E DATA DEL CORSO

PROSEGUI

ISCRIZIONE FAX

Scarica la scheda di iscrizione ai Corsi Ebit   da inviare via FAX allo 0832/1831467

QUOTE ISCRIZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

NOTE OPERATIVE

NOTE OPERATIVE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT

TITOLI RILASCIATI: A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Se espressamente previsto nel singolo corso, al dipendente che supererà positivamente (test facoltativo) la prova di verifica finale dell’apprendimento verrà altresì rilasciato un attestato di profitto, che sarà certificato da EBIT al termine del corso.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

NOTE OPERATIVE: E’ possibile iscriversi fino a 5 giorni lavorativi prima dell'inizio del corso. In caso di iscrizione sarà fatturata l'intera quota di partecipazione qualora non pervenga disdetta scritta entro il suindicato termine. E’ comunque consentito sostituire i partecipanti in ogni momento. Una settimana prima del seminario sarà data conferma o disdetta dello stesso.

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

ORARI: 9,30-13,00 e 14,00-16,30

DESTINATARI: Servizio Personale – Addetti Rilevazione Presenze/Assenze del Servizio Personale – Ufficio Procedimenti Disciplinari – Segretari – Dirigenti – Posizioni Organizzative – Elevate Professionalità – Responsabili di struttura

DOCENTE: dott. MICHELE PETRONE, Esperto nella Gestione giuridica del rapporto di lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni – Consulente Enti Pubblici – Formatore EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

PREMESSA: Il Decreto 17 ottobre 2017, n. 206, in vigore dal 13/01/2018, ha introdotto importantissime novità relative al regime delle visite fiscali per i dipendenti di tutte le Pubbliche Amministrazioni.

L’ipotesi di CCNL firmata il 23 dicembre 2017 ha, altresì, regolamentato in maniera specifica le assenze per visite mediche, esami specialistici ed accertamenti diagnostici, colmando un vuoto normativo che si protraeva da anni e che, nel tempo, ha generato non pochi problemi applicativi.

Infine il D.Lgs. 25/05/2017, n. 75 ha ribadito gli obblighi di controllo in capo agli enti pubblici circa la gestione degli attestati telematici e cartacei di malattia, evidenziando specifici profili di responsabilità in capo ai soggetti inadempienti.

Il corso intende commentare analiticamente il nuovo quadro normativo suindicato, analizzando nel dettaglio tutte le novità e gli adempimenti sia per le Pubbliche Amministrazioni che per i dipendenti pubblici.

visite fiscali decreto 17 ottobre 2017

PROGRAMMA:

IL NUOVO REGIME DELLE VISITE FISCALI DEI DIPENDENTI PUBBLICI. Le novità del D.LGS. 25/05/2017, n. 75. Quando si deve chiedere la visita fiscale; quando si può chiedere la visita fiscale; quando non si deve chiedere la visita fiscale.

IL DECRETO 17 OTTOBRE 2017, N. 206 DEL MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ad oggetto ”Regolamento recante modalità per lo svolgimento delle visite fiscali e per l’accertamento delle assenze dal servizio per malattia, nonché l’individuazione delle fasce orarie di reperibilità, ai sensi dell’articolo 55-septies, comma 5 -bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165”. Abrogazione del precedente Decreto 18 dicembre 2009, n. 206 ed analisi delle novità del nuovo Decreto. Richiesta della visita di controllo. Visite fiscali su richiesta della P.A. e visite fiscali disposte d’ufficio dall’Inps. Svolgimento della visita fiscale. Periodicità e contrasto all’assenteismo. Significato della locuzione “cadenza sistematica e ripetitiva”. Fasce orarie di reperibilità. Rapporto con i giorni festivi e non lavorativi. Esclusioni dall’obbligo di reperibilità. Novità e differenze sostanziali rispetto alle precedenti ipotesi di esclusione previste dal precedente Decreto 18 dicembre 2009, n. 206. Verbale di visita fiscale. Modalità, esiti, privacy. Variazione dell’indirizzo di reperibilità. Obblighi e modalità di comunicazione da parte del lavoratore nei confronti della P.A.. Obblighi e modalità di comunicazione da parte della P.A. nei confronti dell’Inps. Mancata effettuazione della visita fiscale. Adempimenti in capo al dipendente, alla P.A., al medico fiscale ed all’Inps. Contrasto tra la prognosi del medico curante e quella del medico fiscale. Obblighi del medico fiscale. Facoltà ed obblighi del dipendente. Modalità di dissenso e di verbalizzazione. Visita presso l’Ufficio Medico Legale Inps. Rientro anticipato al lavoro. Esame del completo iter procedurale da seguire in caso di guarigione anticipata. Soggetti certificatori ed ipotesi di corretta redazione del certificato sostitutivo. Ipotesi in cui la P.A. non può accettare il rientro anticipato in servizio. Profili di responsabilità e conseguenze sia per il dipendente che per l’Ente in caso di mancato rispetto delle tassative regole procedurali.

ASSENZE PER L’ESPLETAMENTO DI VISITE, TERAPIE, PRESTAZIONI SPECIALISTICHE OD ESAMI DIAGNOSTICI. LA NUOVA DISCIPLINA PREVISTA DALLA IPOTESI DI CCNL DEL 23 DICEMBRE 2017. Permessi giornalieri ed orari. Durata. Tempi di percorrenza da e per la sede di lavoro. Trattamento giuridico ed economico dei permessi ed assimilazione alle assenze per malattia. Calcolo dei permessi su base oraria ai fini del comporto. Ipotesi di incompatibilità dei permessi su base oraria. Applicazione o meno della decurtazione del trattamento economico accessorio prevista per le assenze per malattia nei primi 10 giorni. Calcolo dei permessi su base orario e su base giornaliera in caso di rapporto di lavoro a tempo parziale. Termini ordinari di preavviso ed ipotesi derogatorie (fattispecie e termini). Giustificazione della assenza per i permessi ed indicazione dei soggetti preposti al rilascio della correlata documentazione. Modalità di trasmissione alla P.A. Ipotesi di contabilizzazione a titolo di malattia in caso di espletamento di visite specialistiche e/o effettuazione di terapie od esami diagnostici e correlato trattamento giuridico ed economico. Modalità di giustificazione e soggetti preposti al rilascio della relativa documentazione. Ipotesi di controllo medico legale. La gestione dei trattamenti sanitari ricorrenti. Utilizzazione di istituti normativi alternativi ai permessi retribuiti: elencazione dei titoli di assenza e relativi trattamenti giuridici ed economici.

ATTESTATI TELEMATICI E CARTACEI DI MALATTIA. Obblighi di controllo ed adempimenti degli operatori addetti alla gestione delle assenze per malattia. La gestione degli attestati medici riportati la dicitura “Dichiara di essere ammalato dal …….”. I nuovi modelli di certificati medici telematici in vigore per le pubbliche amministrazioni: tutte le novità per Amministrazioni, medici certificatori e dipendenti e differenze con i precedenti modelli. Significato gli obblighi delle pubbliche amministrazioni in caso di ricezione di certificati cartacei anziché di quelli telematici. Le sanzioni disciplinari per i responsabili delle strutture ed i dirigenti e dipendenti del servizio personale inadempienti.