ISCRIZIONE ONLINE

SELEZIONARE SEDE E DATA DEL CORSO

PROSEGUI

ISCRIZIONE FAX

Scarica la scheda di iscrizione ai Corsi Ebit   da inviare via FAX allo 0832/1831467

QUOTE ISCRIZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

NOTE OPERATIVE

NOTE OPERATIVE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT

TITOLI RILASCIATI: A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Se espressamente previsto nel singolo corso, al dipendente che supererà positivamente (test facoltativo) la prova di verifica finale dell’apprendimento verrà altresì rilasciato un attestato di profitto, che sarà certificato da EBIT al termine del corso.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

NOTE OPERATIVE: E’ possibile iscriversi fino a 5 giorni lavorativi prima dell'inizio del corso. In caso di iscrizione sarà fatturata l'intera quota di partecipazione qualora non pervenga disdetta scritta entro il suindicato termine. E’ comunque consentito sostituire i partecipanti in ogni momento. Una settimana prima del seminario sarà data conferma o disdetta dello stesso.

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

ORARI: 9,30-13,00 e 14,00-17,00

DESTINATARI: Uffici Tecnici; Uffici Ambiente; Suap; Polizie Locali.

DOCENTE: avv. GAETANO ALBORINO, Esperto in legislazione ambientale – Formatore EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

OBIETTIVI: Il D.Lgs. 222/2016 (cd. S.C.I.A. due) provvede alla precisa individuazione delle attività oggetto di procedimento, di comunicazione o Scia o di silenzio assenso, nonché quelle per le quali è necessario il titolo espresso e introduce le conseguenti disposizioni normative di coordinamento.

E tra le attività economiche richiamate dal sopra citato Decreto, numerose sono quelle che producono scarichi idrici. Quali in concreto le novità? Quali gli adempimenti? Quali le responsabilità? Quali le condotte da ritenersi illecite?

Il Regolamento di semplificazione ambientale (D.P.R. n. 227/2011) introduce importanti novità riguardanti gli «adempimenti in materia di scarichi idrici». In particolare, detta le condizioni affinché gli scarichi (industriali) di numerose attività economiche possano essere assimilate alle acque reflue domestiche. La corretta distinzione tra le due tipologie di acque reflue – domestiche o industriali è fondamentale, perché a seconda della loro corretta configurazione giuridica, trova rilievo una distinta disciplina autorizzatoria e sanzionatoria.

E ancora: la nuova Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.). Una facoltà o un obbligo per le aziende che effettuano scarichi idrici? Quale il campo di applicazione e quali le strutture che la possono richiedere?

Il Decreto Legislativo n. 121/2011, come recentemente modificato dalla Legge n. 68/2015, ha esteso agli enti e alle imprese la responsabilità per una serie di reati contro l’ambiente, tra cui gli scarichi non autorizzati. Quali i criteri d’imputazione, quali le sanzioni a carico delle società e degli enti? Quali le condizioni che escludono la cd. Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche?

La giornata di studi affronterà – con taglio operativo – tutte le novità giurisprudenziali e normative intervenute nel campo del diritto dell’Ambiente, con particolare approfondimento di quelle introdotte dai recenti decreti che hanno profondamente modificato la Parte III del Testo Unico Ambientale. Illeciti e sanzioni. Quale disciplina sanzionatoria, nei casi di assenza di titoli autorizzatori?

MATERIALE DIDATTICO: Normativa, giurisprudenza, schede, modulistica

PROGRAMMA: Riferimenti normativi. La nuova nozione di scarico. Gli elementi essenziali del concetto di scarico. I corpi ricettori. Le vasche e le cisterne aziendali: scarico o deposito di rifiuti? I rifiuti costituiti da acque reflue. Le acque di scarico e i rifiuti liquidi. I rapporti tra la normativa sulla tutela delle acque e quella in tema di rifiuti. Le tipologie di acque reflue: le acque reflue domestiche, industriali e urbane. La nozione di acque reflue industriali secondo i recenti orientamenti della giurisprudenza. Le acque provenienti da: impianti di lavanderia; un autolavaggio; un’area di parcheggio; un’attività di auto carrozzeria; un’attività da autofficina meccanica; un centro di revisione; un’attività di falegnameria; un’attività di pasticceria; un mattatoio comunale; lavaggio di inerti, di pavimenti di un complesso industriale, di betoniere; lavaggio dei piazzali adibiti allo stoccaggio dei rifiuti o dei mezzi adoperati per il loro trasporto; lavaggio di cassonetti; lavorazioni marmi; piscine; da un centro sportivo (campi da tennis, calcetto, ecc); ristoranti ed alberghi. L’assimilabilità delle acque reflue industriali a quelle domestiche alla luce del nuovo decreto di semplificazione ambientale. L’immissione occasionale e la tracimazione. Quale disciplina applicare? Scarico discontinuo di reflui e scarico occasionale. La distinzione nell’evoluzione normativa e giurisprudenziale. Le acque meteoriche e di dilavamento. Le acque reflue assimilabili alle domestiche. Le deleghe alle Regioni per l’emanazione di specifiche normative in materia di: limiti di emissione degli scarichi; assimilabilità alle acque reflue domestiche; utilizzazione agronomica; acque meteoriche di dilavamento e acque di prima pioggia; autorizzazione allo scarico. La disciplina autorizzatoria degli scarichi. Gli elementi essenziali dell’autorizzazione. Il potere discrezionale della pubblica amministrazione. Tempi e validità dell’autorizzazione. Il subingresso di un soggetto in un’attività economica già autorizzata: obblighi ed adempimenti. La disciplina dei pozzi perdenti o assorbenti, tra normativa nazionale regionale e locale. La corretta gestione delle fosse e delle vasche settiche. Il regime sanzionatorio previsto dal Testo Unico Ambientale, alla luce delle modifiche. Gli illeciti amministrativi e gli illeciti penali. La mancanza di autorizzazione e il superamento dei limiti tabellari. Circostanze esimenti. Le regole del campionamento. Particolari ipotesi sanzionatorie: Il trasporto illecito dei rifiuti liquidi costituiti da acque reflue; Lo sversamento dei liquami da autospurgo. Le disposizioni del codice penale in materia di acque: il danneggiamento (art. 635 C.P.); il getto di cose pericolose (art. 674 C.P.) la violazione delle norme di tutela del paesaggio (art. 181 del D. Lgs. n. 42/2004). La responsabilità delle persone giuridiche derivante da scarichi non autorizzati, alla luce del decreto n. 121/2011. Il D. Lgs. n. 121/2011, in attuazione delle direttive 2009/123/Ce e 2005/35/Ce ha introdotto nuove fattispecie di reati ambientali ed ha esteso, mediante modifiche apportate al D. Lgs. n. 231/2001, la responsabilità penale anche alle persone giuridiche. L’impresa agricola e l’utilizzazione agronomica alla luce delle novità introdotte dalla Legge cd. Green economy e dal D.M. 25 febbraio 2016. La fertirrigazione. Gli effluenti di allevamento. Il Regolamento Ministeriale che disciplina gli effluenti di allevamento. Le acque di vegetazione e degli scarti dei frantoi oleari. Le sanse umide e le sanse disoleate alla luce della recente giurisprudenza. Le acque reflue provenienti da: imprese dedite alla coltivazione del terreno e alla silvicoltura; imprese dedite ad allevamento di bestiame; impianti di acqua coltura di piscicoltura; da laboratori di macellazione; allevamenti zootecnici; caseifici; allevamenti ittici.