ISCRIZIONE ONLINE

SELEZIONARE SEDE E DATA DEL CORSO

PROSEGUI

ISCRIZIONE FAX

Scarica la scheda di iscrizione ai Corsi Ebit   da inviare via FAX allo 0832/1831467

QUOTE ISCRIZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

NOTE OPERATIVE

NOTE OPERATIVE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT

TITOLI RILASCIATI: A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Se espressamente previsto nel singolo corso, al dipendente che supererà positivamente (test facoltativo) la prova di verifica finale dell’apprendimento verrà altresì rilasciato un attestato di profitto, che sarà certificato da EBIT al termine del corso.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

NOTE OPERATIVE: E’ possibile iscriversi fino a 5 giorni lavorativi prima dell'inizio del corso. In caso di iscrizione sarà fatturata l'intera quota di partecipazione qualora non pervenga disdetta scritta entro il suindicato termine. E’ comunque consentito sostituire i partecipanti in ogni momento. Una settimana prima del seminario sarà data conferma o disdetta dello stesso.

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

ORARI: 9,30-13,30 e 14,30-17,00

DOCENTI:

  • dott. FRANCESCO RICCIO, Presidente di Sezione del TAR Campania – Salerno
  • dott. NICOLA NIGLIO, Dirigente generale Ente Pubblico, Autore di pubblicazioni in materia

DESTINATARI: Dirigenti/funzionari Ufficio Concorsi e Servizio Personale di tutti gli Enti Pubblici

OBIETTIVI: I recenti interventi normativi che hanno riguardato il rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici privatizzati interessano in maniera considerevole il personale degli enti del servizio sanitario nazionale, ancorchè esso sia caratterizzato da proprie peculiarità.

Il primo semestre dell’anno 2015 è stato caratterizzato da interventi diretti ad attuare la legge di stabilità 2015 che ha “sbloccato” alcuni istituti contrattuali.

Sono state poi emanate alcune norme di secondo livello, quali il dPCM del 06/03/2015 sulla stabilizzazione dei precari e quello relativo alle tabelle di equiparazione per la mobilità.

Da ultimo è stata approvata la c.d. “Riforma Madia” di riorganizzazione delle Pubbliche Amministrazioni (l. 124/15), all’interno della quale si rinviene la previsione di una riforma organica della dirigenza pubblica e, in particolare, specifici criteri di delega concernono la dirigenza delle aziende sanitarie, che, ove attuati, avranno un impatto considerevole sull’organizzazione di tali enti.

Non meno significative per il comparto appaiono le novità conseguenti all’attuazione delle deleghe di cui al d.l.vo 183/14, c.d. “Jobs act“, alcune delle quali di immediata valenza per il personale pubblico.

Nell’ambito di tale quadro normativo, si profila la ripresa dell’attività negoziale per il rinnovo dei contratti, all’esito della pronuncia della Corte costituzionale n. 178/2015, che ha dichiarato illegittime, a decorrere dalla data di pubblicazione della sentenza nella Gazzetta Ufficiale, le norme che hanno disposto la sospensione della contrattazione collettiva nel pubblico impiego. Il seminario intende essere una guida per la gestione delle procedure selettive finalizzate alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro nella P.A., alla luce di quanto previsto dalle recenti legge di stabilità e dal D.lgs. n. 75/2017 che ha introdotto importanti modifiche al D.lgs. n. 168/2001.

MATERIALE DIDATTICO: legislazione e giurisprudenza, slides.

PROGRAMMA: Il reclutamento del personale ed i vincoli assunzionali. La programmazione dei fabbisogni di personale. Fabbisogni ordinari e fabbisogni straordinari. Le modalità di copertura. La deliberazione regionale. La programmazione delle assunzioni. Il reclutamento ordinario. Indizione di procedure concorsuali ed utilizzo delle graduatorie. Il reclutamento speciale a regime. Il reclutamento speciale transitorio. Le assunzioni dei lavoratori appartenenti alle categorie protette. Il dPCM del 06/03/2015. I requisiti di accesso ed i vincoli per l’attuazione delle procedure concorsuali. Casi speciali: la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità e quella del personale medico di emergenza ed urgenza. Il regime delle proroghe e le cd. proroghe finalizzate. La mobilità e l’ottimale allocazione delle risorse. La mobilità del personale. La mobilità interna e gli istituti di mobilità temporanea: comando, distacco, collocamento fuori ruolo, assegnazione temporanea. Le caratteristiche e i vincoli procedurali dei processi di mobilità volontaria. La mobilità per interscambio. La mobilità volontaria sperimentale. La mobilità preliminare alla indizione di pubblici concorsi. Le novità della disciplina della mobilità tra i comparti di contrattazione con particolare riferimento alle tabelle di equiparazione. La mobilità d’ufficio, obbligatoria e funzionale. Il fondo di cui all’art. 30, comma 2, del d.l.vo 165/01. La mobilità collettiva in caso di eccedenza di personale. Le procedure e gli istituti per la ricollocazione del personale eccedentario. La risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro e il regime del pensionamento in deroga. Lo stato giuridico del personale trasferito. Le novità del “Jobs Act”. Le nuove disposizioni sul rapporto di lavoro a tempo determinato: presupposti e limiti. Le modifiche alla disciplina introdotte dal d.l.vo 81/15. L’applicabilità alla P.A. e l’obbligo di armonizzazione con le disposizione del d.l.vo 165/01. Le nuove sanzioni previste in caso di mancato rispetto dei contenuti e dei termini dei rapporti di lavoro a tempo determinato. I profili di responsabilità per funzionari e dirigenti. Il superamento delle co.co.co. e del lavoro a progetto e le nuove forme dei contratti di apprendistato. Le novità sul rapporto di lavoro a tempo pieno e a tempo parziale. Il trattamento giuridico ed economico. La trasformazione del rapporto di lavoro per i dipendenti pubblici. Il riordino della disciplina del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. Gli obiettivi del processo di riforma del pubblico impiego. Ricambio generazionale, semplificazione, flessibilità. Il processo di assimilazione tra lavoro pubblico e privato. Tempi, scadenze e obiettivi delle deleghe della legge di riforma della P.A.: dirigenza, concorsi, performance, responsabilità. Il nuovo assetto della dirigenza pubblica: ruoli, accesso, incarichi, responsabilità. Le leggi di stabilità per il 2015 e il 2016 e le nuove facoltà assunzionali degli enti. La procedura di stabilizzazione. Il bando, i requisiti e le prove. Normativa e prassi più significativa intervenuta nel primo semestre 2015; orientamenti giurisprudenziali e del Dipartimento della Funzione pubblica.

PROVA DI VERIFICA DELL’APPRENDIMENTO: prevista.