ISCRIZIONE ONLINE

SELEZIONARE SEDE E DATA DEL CORSO

PROSEGUI

ISCRIZIONE FAX

Scarica la scheda di iscrizione ai Corsi Ebit   da inviare via FAX allo 0832/1831467

QUOTE ISCRIZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

NOTE OPERATIVE

NOTE OPERATIVE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT

TITOLI RILASCIATI: A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Se espressamente previsto nel singolo corso, al dipendente che supererà positivamente (test facoltativo) la prova di verifica finale dell’apprendimento verrà altresì rilasciato un attestato di profitto, che sarà certificato da EBIT al termine del corso.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

NOTE OPERATIVE: E’ possibile iscriversi fino a 5 giorni lavorativi prima dell'inizio del corso. In caso di iscrizione sarà fatturata l'intera quota di partecipazione qualora non pervenga disdetta scritta entro il suindicato termine. E’ comunque consentito sostituire i partecipanti in ogni momento. Una settimana prima del seminario sarà data conferma o disdetta dello stesso.

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

ORARI: 9,30-13,00 e 14,00-17,00

DOCENTE: avv. DONATO BENEDETTI, Ex Dirigente Personale Ente Locale – Esperto in materia – Autore di pubblicazioni in materia di pubblico impiego – Formatore EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

DESTINATARI: Ufficio Relazioni sindacali – Servizio Personale degli Enti Locali

OBIETTIVI: L’art. 4 del D.L. n. 16/2014, convertito in legge n. 68/2014, ha introdotto importanti novità in materia, in particolare con riferimento ad una possibile sanatoria in materia di erogazione indebita di trattamenti economici accessori riconosciuti al personale dipendente sino al 31 dicembre 2012.

La disposizione suindicata va coordinata con l’art. 40, comma 3-quinquies, del D.Lgs. 165/2001, come modificato dall’art. 11 del D.Lgs. 75/2017, che introduce una nuova disciplina in materia di recupero di somme in caso di superamento di vincoli finanziari da parte della contrattazione integrativa degli Enti.

Su questa importante problematica il corso intende fornire adeguata conoscenza dei meccanismi di gestione dei vari passaggi che portano all’operatività della sanatoria.

MATERIALE DIDATTICO: normativa, circolari, schede, tabelle esemplificative – tabelle dei fondi dal 1999 ad oggi per eventuali controlli per valutare l’eventuale necessità di rimodulare la composizione degli stessi in caso di errori materiali, di calcolo, ecc.

METODOLOGIA DIDATTICA: Il docente tratterà  la materia in modo semplice e schematico, consentendo la discussione partecipata su ogni argomento. L’intervento formativo si svolgerà con una metodologia attiva fondata sul coinvolgimento, la valorizzazione e la capitalizzazione dell’esperienza dei partecipanti.

PROGRAMMA: Inquadramento generale del pubblico impiego D.lgs. 165/2001 e s.m.i., D.lgs. 150/2009 e s.m.i. con particolari cenni sistematici alle modifiche apportate dai D.Lgs. 74/2017 e D.Lgs. 75/2017, di attuazione della legge 124/2015. Un “focus” particolare verrà dedicato alla procedura di approvazione dei Contratti Decentrati Integrativi, ed al loro contenuto, come risultante dal D.Lgs. 150/2009, come modificato dal D.Lgs. 74/2017. Le possibili nuove regole di formazione ed erogazione dei fondi destinati alla contrattazione decentrata, derivanti dall’accordo Governo/Sindacati del 30 novembre 2016 e dal quale scaturiranno i nuovi CCNL del comparto del pubblico impiego. Il Contratto decentrato e la gestione delle risorse destinate all’incentivazione del personale (c.d. fondi del salario accessorio): art. 15 CCNL 1-4-1999 (comparto) e art. 26 CCNL 23/12/1999 CCNL Dirigenza e s.m.i. e le nuove disposizioni in materia di premialità. La Circolare RGS n.25/2012: Schemi di relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria ai contratti integrativi. La certificazione del Collegio dei revisori: Il procedimento di costituzione dei fondi destinati all’incentivazione del personale dal 2013. La corretta azione costitutiva dei fondi e del loro utilizzo. Le peculiarità della disciplina del comparto (art. 15 CCNL 01/04/1999 e s.m.i.) e della dirigenza (art. 26 CCNL 23/12/1999 e s.m.i.). Il c.d. “blocco “ dei fondi destinati alla contrattazione decentrata integrativa, operato dalla legge di stabilità 2016 che ha ripristinato il meccanismo di riduzione previsto dall’art. 9, comma 2bis, del D.L.78/2010. L’ABROGAZIONE DEL MECCANISMO DI RIDUZIONE DEI FONDI DESTINATI ALLA CONTRATTAZIONE DECENTRATA INTEGRATIVA OPERATO DALL’ART. 23 DEL D.LGS. 75/2017: IL LIMITE DEL FONDO PER L’ANNO 2017. IL LIMITE DEL FONDO PER L’ANNO 2017 NEGLI ENTI PRIVI DI DIRIGENZA (Corte dei conti dell’Emilia Romagna, deliberazione n. 100/2017/PAR del 06 giugno 2017, e deliberazione della Sezione delle Autonomie n.26/2014). La disciplina dei controlli nella Circolare n.20/2017 della Ragioneria Generale dello Stato. Il concetto di “monte salari” e modalità di calcolo. Gestione degli istituti economici – fondi compensi incentivanti del comparto e della dirigenza: retribuzione di posizione, retribuzione di risultato, compensi incentivanti, indennità varie ex art. 17 CCNL 1.4.1999 e s.m.i., maggiorazioni orarie, progressioni orizzontali. Il problema degli incentivi previsti da leggi speciali: art. 15, lettera k, del CCNL del 1/4/1999 (comparto) e art. 26 lett. e) del CCNL del 23/12/1999: Riforma delle avvocature e del recupero delle spese legali. Nuovo regime dell’erogazione degli incentivi per la progettazione e pianificazione urbanistica. La deliberazione n. 7/2017 della Corte dei Conti, Sezione Autonomie. La problematica degli oneri riflessi ed IRAP. Il parere ARAN del 18 giugno 2015 sull’art. 15, comma 5, del CCNL 01/04/1999. Il parere della Corte dei Conti, regioni Lombardia n.224/2015 e Liguria n. 39/2016 sulle problematiche più significative in materia di contrattazione decentrata e costituzione dei fondi. La deliberazione n. 120/2016 della Corte dei Conti, Regione Abruzzo, sulla problematica concernente la decurtazione “fissa” dal 2015. La Circolare della R.G.S. n. 20/2015 sulla composizione dei fondi 2015. Le Deliberazioni n. 379/2015 della Corte dei conti, regione della Lombardia e n.139/2015 della Corte dei conti, regione Emilia Romagna ed il contrasto con la Circolare della RGS. Problematiche applicative derivanti dalla disciplina dei principi contabili di cui punto 52, lettera a), dell’allegato n.4/2 al D.lgs.118/211 in materia di bilancio degli Enti Locali e s.m.i. Il “Conto Annuale della spesa di personale” ed i controlli sulla contrattazione integrativa. La rendicontazione prevista nel “Conto Annuale della spesa di personale” con esemplificazioni pratiche riferite alle relative schede informative e tabelle 15, con particolare riferimento: alle novità della Circolare n.19 del 27/04/2017 della RGS contenente le istruzioni per il conto annuale 2015, alla disciplina delle risorse decentrate stabili e variabili del comparto e della Dirigenza. I rilievi più diffusi dei Servizi Ispettivi della Ragioneria Generale dello Stato sulla costituzione e gestione dei fondi di finanziamento del salario accessorio. Valutazioni in ordine alla necessità eventuale di riordinare l’assetto contabile dei fondi per la contrattazione decentrata e dei relativi contratti integrativi approvati negli anni dal 1999 al 2015: POSSIBILITÀ RICOSTRUTTIVE E CORRETTA IMPOSTAZIONE DELLE AZIONI. GLI ATTI DA ADOTTARE NELL’ATTIVITÀ DI RICOSTITUZIONE E GESTIONE DEI FONDI E APPLICAZIONE DELLA SANATORIA prevista dall’art. 4 del DL n. 16/2014 convertito in legge n. 68/2014, nonché dall’art 40, comma 3-quinquies, del D.Lgs. 165/2001 come modificato dall’art. 11 del D.lgs. 75/2017. Focus sulla sentenza Corte dei Conti, Regione Veneto n. 98/2015 in materia di sanatoria e responsabilità per danno erariale.