ISCRIZIONE ONLINE

SELEZIONARE SEDE E DATA DEL CORSO

PROSEGUI

ISCRIZIONE FAX

Scarica la scheda di iscrizione ai Corsi Ebit   da inviare via FAX allo 0832/1831467

QUOTE ISCRIZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

NOTE OPERATIVE

NOTE OPERATIVE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT

TITOLI RILASCIATI: A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Se espressamente previsto nel singolo corso, al dipendente che supererà positivamente (test facoltativo) la prova di verifica finale dell’apprendimento verrà altresì rilasciato un attestato di profitto, che sarà certificato da EBIT al termine del corso.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

NOTE OPERATIVE: E’ possibile iscriversi fino a 5 giorni lavorativi prima dell'inizio del corso. In caso di iscrizione sarà fatturata l'intera quota di partecipazione qualora non pervenga disdetta scritta entro il suindicato termine. E’ comunque consentito sostituire i partecipanti in ogni momento. Una settimana prima del seminario sarà data conferma o disdetta dello stesso.

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

ORARI: 9,30-13,30 e 14,30-17,00

DOCENTE: dott. VINCENZO TEDESCO, Università di Pisa – Esperto in gestione e sviluppo delle risorse umane e nelle tematiche dell’anticorruzione, trasparenza e valutazione del personale – Componente tavolo Anac per la definizione del Piano anticorruzione nelle Università – Autore di articoli, note e commenti in materia di lavoro pubblico – Componente del Comitato scientifico lavoroprevidenza.com – OIV in Ente Locale – Docente EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

DESTINATARI: Dirigenti, funzionari, impiegati amministrativi e tecnici di tutte le Pubbliche Amministrazioni.

OBIETTIVI: Il corso intende fornire un aggiornamento professionale generale, spesso di difficile realizzazione nel corso della normale attività lavorativa, sulle più importanti novità riguardanti la disciplina delle incompatibilità nel pubblico impiego aggiornata alle ultime novità normative (legge 190/2012, D.lgs. 39/2013, legge n.125/2013, legge 114/2014, legge 190/2014, d.lgs. 97/2016) e giurisprudenziali. Saranno esaminati in particolare la questione del conflitto di interesse e gli impatti sulla regolamentazione dei vari enti in tema di inconferibilità e incompatibilità anche con riferimento alle linee guida Anac e all’aggiornamento del Piano per l’anno 2017. Per la particolare strutturazione il corso presenta anche esercitazioni pratiche e question time sugli argomenti trattati.

MATERIALE DIDATTICO: normativa, giurisprudenza, slides

PROGRAMMA: Il quadro normativo di riferimento. Le mansioni: natura, concetto, distinzioni (corrispondenti ed equivalenti), accesso. Diritto alle mansioni (art. 2103 c.c., art. 52 d.l.vo 165/01). L’incidenza del d.lgs. 150/2009 con riferimento alle progressioni verticali. Ius variandi: concetto, limiti e presupposti. Mansioni e sviluppo di carriera: progressioni orizzontali e verticali. Mansioni inferiori: divieto, deroga, presupposti, contenuto ed effetti. Mansioni superiori: contenuto, affidamento, presupposto. Gli effetti (trattamento economico). Irrilevanza ai fini giuridici. Lo scostamento dalle mansioni ordinarie. Gli incarichi aggiuntivi. Incompatibilità ed incarichi nel pubblico impiego (art.53 d.lgs. n.165/01): divieto di cumulo di impieghi ed incarichi, deroghe per personale in part-time e per dirigenti, esercizio attività professionali. Il caso delle professioni legali. Attività consentite: il sistema autorizzatorio, le limitazioni previste. Le fonti in materia di incarichi ed incompatibilità; le novità nel nuovo T.U. sul pubblico impiego; disciplina contrattuale della materia e sua validità; diritti e doveri dei pubblici dipendenti con riferimento al principio di esclusività; i casi di incarichi retribuiti rientranti nei compiti e doveri d’ufficio; attività assolutamente incompatibili; attività relativamente incompatibili soggette ad autorizzazione; attività liberamente esercitabili. Incompatibilità assoluta e relativa. Le evoluzioni della giurisprudenza e della dottrina con riferimento alle professioni di avvocato e alle professioni che prevedono l’iscrizione ad appositi albi. Il D.Lgs. 150/09. Le nuove disposizioni in materia di collaborazioni e consulenze (DFP 2006-2008, Finanziaria 2008; d.l. 112/08, l. 133/08, l.228/2012). Il nuovo regime degli incarichi esterni dei dipendenti pubblici di cui all’art.1 comma 42 della legge 190/2012 (legge anticorruzione). Impatto sulla trasparenza e obblighi a proposito dell’affidamento e ai compensi, verifica dell’insussistenza di situazioni di conflitto d’interessi: soggetti preposti al controllo e check list di accertamento divieto triennale per gli ex dipendenti pubblici di svolgere attività lavorativa o professionale e relative sanzioni, responsabilità per omesso versamento del compenso indebitamente percepito. Le posizioni della giurisprudenza amministrativa e contabile con riferimento alle attività esercitabili, a quelle non autorizzabili. L’impatto sui procedimenti autorizzativi. Nozione ed effetti. La questione delle attività assolutamente incompatibili e l’intervento governativo che dovrà definire gli ambiti di applicazione. Il nuovo art.53 del dlgs 165/2001 dopo l’intervento operato dalla legge n.125/2013. Accertamento incompatibilità: servizi ispettivi. Violazione e regime sanzionatorio. Regolamenti in tema d’incompatibilità e di autorizzazione all’esercizio, le prestazioni occasionali. Le misure in tema di incompatibilità, obbligo di astensione e incarichi dirigenziali. Il regime delle incompatibilità per i pubblici dipendenti. Le misure particolari per i dipendenti condannati per delitti contro la P.A. L’obbligo di astensione in caso di conflitto di interesse. Le conseguenze della violazione delle norme sulle incompatibilità e sull’astensione. La rotazione dei dirigenti nella preposizione a incarichi dirigenziali. Applicazione del principio di rotazione al resto del personale. Il codice di comportamento dei pubblici dipendenti. La tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti. Il D.Lgs. n. 39/13 (Disposizioni in materia d’inconferibilità e incompatibilità d’incarichi presso le PP.AA. e presso gli enti privati in controllo pubblico), a norma dell’art.1, commi 49 e 50 della L. 190/2012. Esame delle ipotesi previste e modalità di applicazione. La tipologia di incarichi e le condanne previste nei casi indicati dal provvedimento. Il ruolo del responsabile anticorruzione. Le attività seminariali e le eccezioni nelle disposizioni vigenti. Incompatibilità ed ineleggibilità: disciplina specifica. Anagrafe delle prestazioni e incarichi dei pubblici dipendenti: l’informativa e adempimenti specifici. Le modalità di comunicazione e novità dopo il dlgs 97/2016. L’attuale regime del pantouflage. Le ipotesi di inconferibilità presso PA e Enti di diritto privato controllati. Le Linee guida ANAC (Determinazione 833/2016). Gli incarichi gratuiti. Attività rese a titolo gratuito o per volontariato. Le norme in tema di collaborazioni e consulenze (Finanziaria 2008, d.l. 112/08, DFP n. 3/2011). Le sanzioni applicabili in caso di divieto: obblighi e sanzioni stabilite dal D.P.R. n. 3/1957 obblighi e sanzioni stabilite dall’art. 53 del D.Lgs. n. 165/2001obblighi e sanzioni stabilite dalla legge n. 662/1996 obblighi di restituzione e danno erariale (L. 190/2012) gli ultimi interventi della Corte Costituzionale e della magistratura contabile e amministrativa. Il personale in part-time. Problematiche applicative. Il Procedimento per il rilascio dell’autorizzazione. regolamentazione interna delle attività extra impiego; natura degli atti di regolamentazione; i regolamenti sugli incarichi vietati i poteri del datore di lavoro; criteri per il rilascio, differimento o diniego dell’autorizzazione richiesta del lavoratore o del committente; casi di autorizzazioni preventive; doveri del responsabile del procedimento; istruttoria e tempi del procedimento; valutazioni di legittimità e di merito; il conflitto, anche potenziale, di interessi obbligo di motivazione e contenuto del provvedimento; organi competenti a provvedere sull’istanza di autorizzazione; silenzio-assenso e silenzio-diniego; il conferimento di incarichi retribuiti a pubblici dipendenti senza la previa autorizzazione della P.A. di appartenenza: effetti sul committente e sull’atto di incarico, responsabilità giuridiche del dipendente le novità sugli incarichi gratuiti e gli obblighi di comunicazione obblighi di trasparenza ed imparzialità i divieti post impiego, in particolare dopo il D.L. 90/2014menti professionali. Gli incarichi di studio e consulenza ai dipendenti collocati in pensione. Problematiche operative e limiti applicabili anche in considerazione della legge 114/2014. La circolare n. 6/2014 della Funzione Pubblica. Quadro di riferimento. Impatto della giurisprudenza. Esame dell’art.17 comma 3 della legge 124/2016 e della circolare n.4/2015 della Funzione Pubblica.