ISCRIZIONE ONLINE

SELEZIONARE SEDE E DATA DEL CORSO

PROSEGUI

ISCRIZIONE FAX

Scarica la scheda di iscrizione ai Corsi Ebit   da inviare via FAX allo 0832/1831467

QUOTE ISCRIZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

NOTE OPERATIVE

NOTE OPERATIVE E QUOTE DI PARTECIPAZIONE VALIDE PER TUTTI I CORSI EBIT

TITOLI RILASCIATI: A tutti i partecipanti verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Se espressamente previsto nel singolo corso, al dipendente che supererà positivamente (test facoltativo) la prova di verifica finale dell’apprendimento verrà altresì rilasciato un attestato di profitto, che sarà certificato da EBIT al termine del corso.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:

corsi di 1 giorno: €400,00 + Iva
corsi di 2 giorni:  €800,00 + Iva

(Iva esente per gli Enti Pubblici ai sensi dell'art. 14, comma 10, della legge n. 537/93). Le spese bancarie sono a carico dell’Ente partecipante. La quota include il materiale didattico in formato elettronico ed il coffee break.

OFFERTA: ogni 2 iscritti allo stesso corso il terzo è GRATIS!

NOTE OPERATIVE: E’ possibile iscriversi fino a 5 giorni lavorativi prima dell'inizio del corso. In caso di iscrizione sarà fatturata l'intera quota di partecipazione qualora non pervenga disdetta scritta entro il suindicato termine. E’ comunque consentito sostituire i partecipanti in ogni momento. Una settimana prima del seminario sarà data conferma o disdetta dello stesso.

MODALITÀ DI PAGAMENTO:

Bonifico bancario intestato a EBIT s.r.l., c/c n. 000003442537, Fineco Banca SpA, Salita San Nicola da Tolentino n. 1/b – 00187 Roma ABI 03015 CAB 03200 CIN U IBAN IT 03 U 03015 03200 000003442537

(nella causale indicare sempre il numero della fattura; se il pagamento viene effettuato prima del corso indicare nome Ente e nominativi dei partecipanti)

ABBONAMENTI: per vedere le offerte clicca qui

ORARI: 9,30-13,30 e 14,30-17,00

DOCENTI:

dott. VINCENZO TEDESCO, Università di Pisa – Esperto in gestione e sviluppo delle risorse umane e nelle tematiche dell’anticorruzione, trasparenza e valutazione del personale – Componente tavolo Anac per la definizione del Piano anticorruzione nelle Università – Autore di articoli, note e commenti in materia di lavoro pubblico – Componente del Comitato scientifico lavoroprevidenza.com – OIV in Ente Locale – Docente EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

ROLANDO VIVALDI, Responsabile Unità fiscale, Gestione Redditi Lavoro Autonomo e Adempimenti Assistenziali e Previdenziali Università di Pisa; Esperto di problematiche fiscali; Docente EBIT, Scuola di Formazione e Perfezionamento per la P.A.

DESTINATARI: Dirigenti, funzionari, impiegati amministrativi e tecnici di tutte le Pubbliche Amministrazioni. Lavoratori autonomi in genere.

OBIETTIVIil corso intende offrire una panoramica dei principali rapporti di lavoro autonomo che, anche per effetto della potestà regolamentare dei singoli enti, si sono incrementate fornendo nel contempo un utile approfondimento, anche mediante la soluzione di casi pratici e degli interventi della giurisprudenza. La trattazione pertanto cercherà di fare il punto sulle varie tematiche di ordine giuridico e fiscale non trascurando gli approfondimenti giurisprudenziali anche alla luce delle nuove norme in tema di trasparenza. Inoltre saranno evidenziati gli ultimi interventi normativi fino alla legge di stabilità per l’anno 2015 (legge n.190/2014) oltre all’esame delle circolari del Ministero del Lavoro e della Funzione Pubblica ed agli interventi della legge 114/2014 in tema di incarichi di studio e consulenze. Sarà verificato anche l’impatto eventuale della normativa sul job-act (legge 183/2014) e del D.Lgs. 81/2015 oltre che della legge di stabilità per l’anno 2016 (legge n.208/2015) e il nuovo articolo 7, comma 6, derivante dall’entrata in vigore del D.Lgs. 75/2017. Sarà poi presa in esame la normativa introdotta dalla legge anticorruzione del 2012 e dal successivo d.l.vo 39/13, in tema di inconferibilità ed incompatibilità degli incarichi. Si darà conto delle innovazioni introdotte da d.l. 90/14, come modificato dalla l. 124/15, in materia di incarichi a dipendenti collocati a riposo. In relazione ai temi trattati, sarà richiamato il contenuto delle circolari del Dipartimento della Funzione pubblica, delle linee guida e degli orientamenti dell’ANAC sulla materia nonché dei principali indirizzi della giurisprudenza. Si darà conto, infine, della particolare disciplina di cui al comma 16 ter dell’art. 53 del d.l.vo 165/01, c.d. “pantouflage”

MATERIALE DIDATTICO: normativa, giurisprudenza, slides

PROGRAMMA: Quadro normativo in tema di affidamento di incarichi esterni nelle P.A., tra appalto di servizi e incarico di lavoro autonomo. Quando si parla di servizio e quando di incarico. Natura e oggetto dell’incarico. D.Lgs. 163/2006 e D.Lgs. 165/2001: discipline a confronto. Esame delle novità normative e degli orientamenti della giurisprudenza: soggetti dell’Ente coinvolti nella procedura di affidamento dell’incarico e nella gestione del contratto. L’affidamento di incarichi esterni come appalto di servizi. Principi generali e tutela della concorrenza; programmazione dell’attività contrattuale; procedure di scelta del contraente; criteri di redazione dei bandi di gara; criteri di aggiudicazione; ipotesi di affidamento fiduciario; affidamenti in caso di urgenza; tipologie di contratti esclusi in tutto o in parte dal D.lgs. 163/2006; rapporti con società di professionisti dopo la Legge 183/2011; l’affidamento di incarichi esterni quale incarico professionale di lavoro autonomo; le previsioni del D.lgs. 165/2001, art. 7 c. 6 e gli interventi operati dal D.L. 31/08/2013, n. 101; esigenze dell’Ente e requisiti di legittimità dell’incarico esterno; professionalità degli incaricati; temporaneità dell’incarico; la pubblicazione e il rispetto del principio di trasparenza. I principi della Corte dei conti da rispettare nel conferimento dell’incarico. Distinzione tra incarico di consulenza e incarico di studio, l’intervento delle sezioni unite della Corte dei conti. I tratti distintivi e le norme applicabili. La nuova disciplina degli incarichi di lavoro autonomo dopo le ultime modifiche all’art. 7, c. 6, D.lgs. 165/2001 alla luce della riforma del mercato del lavoro (legge 92/2012) e della Legge di stabilità per l’anno 2013 (Legge 228/2012) e della L. 125/2013 e del dlgs 75/2017: presupposti di legittimità per la stipulazione di contratti di incarico professionale nelle P.A.; comunicazioni telematiche; tipologie contrattuali utilizzabili: lavoro autonomo, co.co.co. e lavoro occasionale; le c.d. partite IVA; la “comprovata specializzazione universitaria”: contenuti ed eccezioni previste dalla nuova disciplina; il divieto delle consulenze informatiche (comma 146 dell’art. 1 legge 228/2012). Il quadro ordinamentale del conferimento di incarichi di studio e consulenza fino alla legge 114/2014. Procedure comparative per la selezione dei collaboratori; l’atto di conferimento dell’incarico: competenze ad adottarlo, contenuto minimo del contratto; pubblicità degli incarichi e delle consulenze. Norme di riferimento e il rispetto dei principi di trasparenza da parte delle pubbliche amministrazioni. Limiti per l’applicazione negli enti locali. L’art.90 del d.lgs. 276/2000. Le norme applicabili e gli interventi della Corte dei Conti. Il divieto della proroga dei contratti di cui all’art. 7 comma 6 del decreto legislativo 165/2001 ai sensi del comma 147 dell’art.1 legge 228/2012. La questione dell’eccezionalità e dell’importo del contratto. La precisa indicazione dell’obiettivo/ progetto e del compenso. Procedure comparative per la selezione dei collaboratori – l’atto di conferimento dell’incarico: competenze ad adottarlo, contenuto minimo del contratto – pubblicità degli incarichi e delle consulenze. Norme di riferimento e il rispetto dei principi di trasparenza da parte delle pubbliche amministrazioni. Gli incarichi ai propri dipendenti: condizioni, incompatibilità e possibili incarichi; novità della Legge Anticorruzione 2012; autorizzazione e rendicontazione. Trattamento fiscale e previdenziale dei compensi corrisposti in caso di incarichi esterni: pluralità di qualificazioni tributarie in presenza di “contratto di lavoro autonomo”, lavoro a progetto, co.co.co., occasionali, professionisti e novità 2012. La nuova disciplina del lavoro a progetto disegnata dalla riforma Fornero (legge n.92/2012) – gestione degli adempimenti fiscali, previdenziali e assicurativi nelle diverse tipologie contrattuali. La riforma del Lavoro (Legge 92/2012), le nuove regole per le co.co.pro. La natura e l’oggetto del progetto, l’assenza del progetto quale presunzione assoluta del lavoro subordinato. Gli interventi del Ministero del lavoro. Il decreto ministeriale 20 dicembre 2012. Limiti per l’applicazione nella pubblica amministrazione. Il diritto al compenso minimo. La L.99/2013. Il recesso prima della scadenza del contratto e delle false partite Iva ai sensi della circolare n.32 del 28/12/2012 del Ministero del lavoro. Le “false partite IVA” e le casistiche di inapplicabilità delle presunzioni. La responsabilità solidale negli appalti. Le nuove regole per ritenute fiscali ed IVA. Limiti alle connesse prestazioni di lavoro. Le responsabilità per retribuzioni e contributi. Novità nella gestione degli adempimenti in caso di incarichi affidati a società tra professionisti (STP) dopo la nuova disciplina introdotta dalla Legge 183/2011. Il principio di armonizzazione. L’ art. 17, c. 30, legge 102/09. Il controllo preventivo di legittimità sugli atti degli enti pubblici della Corte dei Conti. Le esclusioni operate dalla LEGGE DI STABILITÀ PER L’ANNO 2017 con riferimento alle Università. Profili applicativi e eccezioni. Disciplina del lavoro. Lavoro autonomo, subordinato, stagionale, atipico. Le difficoltà di coordinamento tra le varie normative esistenti.L’applicazione della norma nelle pubbliche amministrazioni. Il nuovo art. 7 comma 6, il riferimento al lavoro autonomo e il superamento delle forme di lavoro c.d. eterodirette dal datore di lavoro. Le convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni: aspetti normativi, fiscali ed adempimenti procedimentali. I criteri della residenza fiscale delle persone fisiche. I contratti di collaborazione coordinata e continuativa con i non residenti fiscali: aspetti applicativi e profili contrattuali. La questione della specializzazione universitaria con riferimento ai titoli di studio. La questione dell’imposta di bollo e registro sui contratti di lavoro autonomo. I contratti di lavoro autonomo occasionale con i non residenti: aspetti applicativi e profili giuridici. Trattamento dei rimborsi spese nelle diverse fattispecie. ANALISI DI SCHEMI CONTRATTUALI. Aspetti obbligatori e opzionali. La circolare n. 6/2014 della Funzione Pubblica che specifica il conferimento di incarichi, limiti e quadro di riferimento. Impatto della giurisprudenza. Question time sugli argomenti trattati. Aspetti obbligatori e opzionali. Giurisprudenza ragionata. Riflessi operativi e gestionali. La riforma del lavoro cosiddetta Jobs Act (L. 183/14 e decreti delegati): obiettivi e impostazione. Dal lavoro autonomo alla subordinazione nel nuovo T.U. delle flessibilità contrattuali. Ambito di applicazione della riconduzione al lavoro subordinato le collaborazioni organizzate dal committente soggette a conversione i requisiti per l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato le collaborazioni escluse modalità di applicazione del nuovo regime del lavoro autonomo e collaborazioni nelle PP.AA. e nelle società partecipate. Il lavoro a progetto. Le modifiche normativa dal 2003 ad oggi. L’abrogazione del lavoro a progetto per il 2015. La sopravvivenza dei co.co.co. ex art 409 c.p.c. I limiti oggettivi e soggettivi alla stipula dei contratti. La definizione di progetto. l’abrogazione della tipologia a programma e a fase di lavoro. il compenso congruo. il richiamo al CCNL di settore. Le conseguenze della violazione della normativa vigente. La presunzione di subordinazione e la prova contraria. le conseguenze economiche della pronuncia giudiziale di conversione del rapporto. Esame della questione dell’abolizione delle cococo e analisi dell’intervento operato dal DECRETO MILLEPROROGHE PER L’ANNO 2017 (D.L. N.244/2016).

PROVA DI VERIFICA DELL’APPRENDIMENTO: prevista.